09 Nov

L'Importanza Dell'Igiene Orale Nel Paziente Diabetico Parte III: Cenni Di Terapia

La terapia e la gestione del diabete variano a seconda del paziente. I pazienti affetti da diabete di tipo I non producono insulina: chi non ha sufficiente insulina nell'organismo deve assumere insulina che può essere somministrata solo dall'esterno (iniezioni o microinfusore). Le iniezioni devono essere eseguite anche diverse volte al giorno. 

insulina

Chi soffre di diabete di tipo II, invece, probabilmente non ha bisogno dell'insulina perché di solito all'inizio è in grado di tenere sotto controllo la malaittia eseguendo una dieta o facendo esercizio fisico. Tuttavia il diabete di tipo II è una malattia di tipo progressivo e nel corso degli anni molto probabilmente porterà il paziente ad assumere terapia ipoglicemizzanti e, nelle fasi più avanzate, anche l'insulina. Il successo della terapia dipende in larga parte dal paziente. Imparando a tenere sotto controllo la glicemia e mettendo in pratica tutti i suggerimenti sarà possibile condurre una vita più sana. 

                              

5_beneficios_de_la_actividad_f_sica_que_no_hab_as_imaginado

 

                            DIABETE E MALATTIE PARADONTALI

La correlazione tra diabete e malattie paradontali è così forte ed evidente da definire la malattia paradontale la sesta complicanza del diabete. Molti studi mostrano come il diabete sia un fattore di rischio importante per la comparsa di gengivite e paradontite e i livelli glicemici sono un elemento determinante di questa correlazione. Infatti sia per il diabete di tipo I che per quello di tipo II esiste un aumentato rischio di sviluppare infiammazioni gengivali rispetto alla popolazione non diabetica anche a parità di igiene orale e di altri riconosciuti fattori di rischio quali, ad esempio, il fumo. 

gengivite

 

Come per le altre complicazioni del diabete, anche per la paradontopatia il controllo glicemico ha un ruolo chiave: nei pazienti con uno scarso controllo glicemico si osservano una maggiore presenza di vere e proprie tasche paradontali (denominate tali in quanto vi si inseriscono dentro batteri, residui di cibo e simili) e, di conseguenza, maggior sanguinamento gengivale. I rapporti tra diabete e malattia paradontale possono essere spiegati d alcuni meccanismi evidenziati dalla ricerca scientifica. A livello gengivale si osserva un alterazione nella risposta immunitaria che può determinare una riduzione delle difese contro i batteri della placca. A livello paradontale il diabete provoca anche alterazioni del microcircolo sanguigno e modificazioni nelle velocità di guarigione delle ferite dovute al fenomeno dell'iperglicemia. L'eccessiva quantità di zuccheri che circola nel sangue e nei tessuti porta alla formazione di composti particolari che tendono, nel lungo periodo, a danneggiare le pareti dei vasi. Ciò aumenta lo stato infiammatorio e a deteriorare i tessuti. 

® Riproduzione riservata

 

piorrea_gengivite_parodontite-300x225-1280x720

 

                                                 download